La scuola online per i documentari

come diventare video editor

Come diventare video editor: consigli per gestire un documentario

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Indice dei contenuti

introduzione

Qualunque filmmaker documentarista può dire che la parte più complessa nel fare un documentario comincia quando sono finite le riprese e bisogna cominciare il lavoro di video editing.  Può essere un’esperienza terrificante trovarsi seduto di fronte ad una montagna di materiale che ha bisogno di essere revisionato ed organizzato. 

Non importa se il progetto è di pochi minuti, perché anche in questo caso ci può essere molto materiale da guardare. Come diventare un video editor attento ed efficiente? C’è bisogno di un buon piano e conoscere alcuni trucchetti organizzativi che ti fanno sbloccare dai primi step.  

Il video editor lavora nella fase di post produzione, a stretto contatto con il regista che ha il compito di trasmettere la visione che vuole dare all’intero film. Quindi, non deve essere concepito come un lavoro esclusivamente solitario, ma fatto di grande comunicazione. Se vuoi leggere di più sul ruolo del regista, leggi l’articolo: Come diventare regista in 10 passi: 5 passi e 5 libri 

Editare un video documentario: scarica, organizza e fai il backup del materiale

Prima di cominciare il lavoro di video editing del documentario, devi necessariamente scaricarlo, organizzarlo e fare il backup. Questo è necessario farlo per ogni giorno di riprese, dividendo accuratamente il materiale.

editare un video

Ciò che è importante è dividere in cartelle il lavoro prima di cominciare. Le cartelle sono un meraviglioso strumento per mantenere l’ordine e non perdersi nelle ore di girato. Ogni volta che cominciamo un nuovo progetto, tutti i giorni di shooting vengono suddivisi ed a loro volta smistati in altre categorie, a seconda dell’attrezzatura utilizzata (videocamera o drone), intervista o B-Roll.

Come diventare un video editor attento: comincia dividendo le interviste ed i B-Roll

Personalmente, quando lavoriamo con tanto girato in cui ci sono sia interviste che B-Roll, cerchiamo sempre di dividerli. Suddividendo il materiale, ti semplificherai molto la vita, perché potrai concentrarti a pieno sulle interviste

Ora sei pronto per revisionare le interviste e procedere con la trascrizione del parlato in modo da avere un quadro generale di ciò che viene detto. É proprio a partire dalle trascrizioni che cominci a delineare la storia e sviscerare i concetti. 

Solo alla fine di un lungo processo, potrai dire di aver costruito la spina dorsale del documentario, fatto a questo stadio soltanto di interviste. Se vuoi approfondire l’argomento, guarda il video che ti consigliamo sotto!

Diventare un video editor di documentari è un’arte complessa, fatta di tanta pratica ed attitudine! Non si tratta soltanto di editare un video, ma di modellare una storia. 

Lavora sequenza per sequenza

Un trucchetto per semplificare il tuo lavoro di video editing è quello di lavorare sequenza per sequenza. É impensabile editare un video documentario tutto insieme, perché il risultato sarebbe soltanto una grande confusione e frustrazione allo stesso tempo. 

Quello che ti conviene fare è convenzionalmente spezzare la tua storia in delle sequenze, per argomento o fase della storia. Noi ci troviamo molto bene a procedere secondo la struttura a tre atti di una storia e suddividere così l’intero documentario. 

Ma puoi anche procedere per argomento, soprattutto se stai trattando un documentario “dichiarativo” con una voce narrante fuori campo che racconta l’intreccio. 

Per rispondere alla domanda: come diventare video editor di documentari, preferisco bypassare la questione del saper utilizzare il software di montaggio. In un certo senso quello è scontato, è come se tu dovessi imparare una nuova lingua. Quello che appassiona e che affascina del lavoro del video editor è la capacità di gestire moltissimo materiale senza senso e trasformarlo in una storia. 

Spero che questo articolo ti sia stato utile; se vuoi leggere di più sulle altre professioni nel documentario, ti consiglio di leggere: Ruoli nel cinema: la guida alle professioni del cinema documentario

 

Se ti è piaciuto questo post clicca Mi Piace qui sotto!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Chi siamo

School of Doc è una scuola online dedicata al mondo del documentario. Dalla regia al visual storytelling creiamo corsi di formazione che aiutano i filmmaker ad acquisire le capacità necessarie per creare documentari vincenti.

seguici qui!

La newsletter

Ricevi una volta a settimana (circa!) una nostra selezione di super contenuti sul mondo documentario! Ti parleremo di distribuzione, festival, video, eventi e ti manderemo tanto altro materiale interessante per il tuo lavoro.

Ultimi post

Risorse utili

Prima di andare via, ti suggerisco di leggere questi

Hai qualche dubbio? Parliamone

Lasciaci un recapito,
ti contattiamo noi!