fbpx

Benvenuto su School of Doc, ecco per te uno sconto del 10% sul tuo primo acquisto. Approfittane ora e digita WELCOME10 al checkout!

come fare un documentario

L’attrezzatura per girare un documentario

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Indice dei contenuti

attrezzatura per girare un documentario: cosa serve?

Uno degli aspetti più esilaranti del fare documentari è crearsi un kit ideale di attrezzatura per riprese video.

L’attrezzatura per girare un documentario è talmente variegata che non è possibile fare una lista standard per tutti. Considera che le variabili sono tantissime e non dipendono soltanto dal budget, ma anche dal tipo di progetto ed il contesto in cui sarai immerso. In questo articolo ho provato a stilare una lista che puoi prendere in considerazione se vuoi crearti un kit personale di attrezzatura video

Ho preparato questa guida soprattutto per i filmmaker che sono all’inizio e non sanno da dove partire! Un primo punto di partenza è sicuramente la videocamera. 

attrezzatura video

videocamera

La videocamera è la base da cui partire. La camera che sceglierai dipende dal budget, dal tipo di shooting che ti aspetta (situazioni più dinamiche o una serie di interviste su treppiede, quindi statiche) e da dove vorresti presentare il documentario in distribuzione (cinema, teatro, TV, canali video on demand). Se vuoi leggere di più su come distribuire un documentario, ti consiglio di leggere: Vendere un documentario: da dove partire? La guida per distribuire un film  o Vendere un documentario a Netflix: i 4 must che Netflix cerca

Puoi realizzare un documentario con qualsiasi camera tu voglia, da un DSLR, mirrorless, come la videocamera sony aplha 7s III ad una camera da cinema, come una videocamera professionale versione cinema come la Canon C300 MarkII. 

Potrebbe interessarti anche: 

 

microfoni

Un buon audio differenzia un documentario amatoriale da uno professionale. Avere un microfono shotgun ti rende preparato/a per praticamente qualsiasi situazione. 

Tra i migliori shotgun ti consiglio il RODE NTG5
Se deciderai di provvedere ad un audio più professionale, avrai bisogno di cavi XLR per collegare la camera al microfono. Le camera che hanno questi attacchi sono quelle da cinema, se lavorerai con una mirrorless o DSRL ti consiglio di leggere sotto quello che ho scritto sul reparto audio. 

Un altro microfono molto pratico nei documentari ed estremamente utile per catturare l’intimità dei personaggi è il microfono lavalier, pensato per essere indossato durante le interviste, ma non solo. Ti consiglio di prendere un modello wireless per poterlo gestire meglio, come il RODE Wireless GO.

attrezzatura per fare video

reparto audio

Se decidi di realizzare un documentario con una mirrorless o una DSLR, è raccomandabile che tu ti abbia un registratore esterno, come lo Zoom H5. 

Un’altra soluzione davvero interessante per chi decide di utilizzare una mirrorles è il sistema Lark 150 di Hollyland. Questo sistema, come il microfono wireless della RODE è compatto e affidabile ma dotato di due trasmettitori/microfoni che ti permettono di gestire due canali audio separati. È l’ideale per chi deve gestire più persone all’interno di una stessa scena ed ha la necessità di tenere separate le tracce.

luci

Talvolta può essere davvero importante avere a portata di mano un faretto da applicare sulla videocamera illuminando così la scena. É una soluzione che si rivela particolarmente utile in quelle situazioni in cui non puoi impostare delle luci che rendano l’ambientazione perfetta. 

Pensa a tutte le riprese durante l’inverno o in generale la sera, quando la visibilità è minima. Il faretto diventerà un tuo grande amico! 

Se poi pianifichi di fare molte riprese all’interno, avrai bisogno di un kit di luci, preferibilmente tre per creare il set up.  

Potrebbe interessarti anche:

treppiede

Il treppiede è una parte fondamentale del kit di attrezzatura per girare un documentario perché assicura stabilità alle riprese, nonché le rende più professionali. Può aiutarti prendere un treppiede con una testa abbastanza fluida per consentire movimenti e riprese panoramiche.

Ti propongo due opzioni disponibili sul mercato: la prima è prodotta da Sachtler che propone il Flowtech 75MS. Con il suo design innovativo è probabilmente il treppiede migliore al momento, leggero, veloce da apire ed spostare, capace di sostenere videocamere pesanti anche 20kg.

La seconda soluzione, usata anche da noi, è rappresentata dal Gazelle Tc9 della iFootage capace di sostenere fino a 9kg di carico. Meno veloce rispetto ai treppiedi Sachtler la sua particolarità è la velocità di separazione tra le gambe e la testa. Questo meccanismo vi permetterà di passare velocemente dal treppiede ad uno slider e vi garantirà maggiore velocità nella preparazione della camera.

lenti

Scegli con cura le lenti perché potrai sfruttarle in situazioni molto diverse. Puoi decidere a seconda del budget di munirti di lenti fotografiche o da cinema. Il passo successivo è munirsi di una serie di lenti strategiche che ti consentano di lavorare al meglio. 

La triade ideale di lenti è data da un grandangolo, un teleobiettivo e uno intermedio. Tre lenti consigliabili sono:

La scelta potrebbe anche essere tra lenti cinematografiche e lenti fotografiche. Anche qui dipende sicuramente dal budget a disposizione e dal tipo di documentario che state pensando. Infatti, come ci ha detto il documentarista Paolo Sodi la scelta dell’attrezzatura per girare deve essere fatta prima di cominciare e deve essere in funzione del tipo di racconto.

Le principali differenze tra lenti cinematografiche e fotografiche sono:

  1. Il peso, le lenti cinema sono decisamente più pesanti;
  2. L’assenza di autofocus nelle lenti cinematografiche;
  3. Gli obiettivi fotografici non sono parafocali, quindi non mantengono il fuoco se spostate la ghiera dello zoom
  4. La ghiera dei diaframmi è fluida nelle lenti cinema mentre a scatti nelle lenti fotogafiche. Questo potrebbe essere un problema se decidete, o avete la necessità di modificare il diaframma mentre state riprendendo.
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Chi siamo

School of Doc parla facile!
Creiamo contenuti e corsi di formazione online per chiarirti gli aspetti più critici della produzione e distribuzione di un documentario.

Siamo anche su

La newsletter

Vuoi ricevere una selezione di super contenuti sul mondo documentario? Parleremo di distribuzione, festival, video, eventi e ti renderemo disponibili contenuti non accessibili per gli altri utenti.

Ultimi post

I nostri corsi

Prima di andare via, ti suggerisco di leggere questi

La pubblicità non piace a nessuno

Questo articolo è offerto da: NESSUNO! Perché la pubblicità non piace a nessuno.
Questi contenuti che leggi sono gratuiti e senza interruzioni. Aiutaci a mantenerli tali supportando questo blog.